first_image

Città di Ortona

Via Cavour, 24

66026 - Ortona (CH)

Tel. 085 90571

Fax: 085 9066037

Partita I.V.A. 00149620692

protocollo@pec.comuneortona.ch.it

Immagine

Immagine

Immagine

tostiano

bco

Immagine

Immagine

Calendario Eventi
<< Giugno 2018 >>
L M M G V S D
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

PARCHEGGI AI LIDI

Dal prossimo fine settimana sara' attivato il servizio delle strisce blu ai lidi ortonesi

Con l’avvio della stagione estiva l’amministrazione comunale ha approntato una nuova ripartizione e regolamentazione dei parcheggi nei pressi delle spiagge ortonesi. In particolare sono stati individuati gli spazi da dedicare alle diverse tipologie di parcheggio e sono stati collocati i nuovi parchimetri nelle aree predisposte per il parcheggio a pagamento. La decisione rientra nel quadro più generale di regolamentare e razionalizzare il traffico veicolare nel periodo estivo nelle aree turistiche del litorale ortonese, per assicurare un ricambio di utenti e una mobilità cittadina più consapevole. L’amministrazione inoltre sensibile ai temi dell’ambiente e ai problemi relativi al fisiologico accrescimento della soglia di inquinamento atmosferico dovuto al maggiore traffico veicolare intende incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici per raggiungere le località balneari, servite con numerose corse giornaliere, feriali e festive.
Le zone predisposte per la sosta a pagamento nelle zone balneari per tutti i giorni della settimana fino al 10 settembre, saranno gestiste secondo la delibera che ha istituito i parcheggi a pagamento nel comune di Ortona, con la tariffa oraria di 50 centesimi mentre per l’intera giornata dalle ore 8 alle 20 l’importo previsto è di 5 euro. Per quanto riguarda la ripartizione specifica nelle località tra il fiume Arielli e il lido Riccio, nell’area attigua alla statale 16 compreso quella vicina allo stabilimento Pontile e all’hotel Katia sono stati realizzati 80 stalli a pagamento e 112 liberi, 31 per moto, 7 disabili e 2 per scuolabus. Il piazzale in località Riccio compreso tra la statale e la linea ferroviaria è stato attrezzato come parcheggio a pagamento con 85 posti, 2 per disabili e 5 per moto mentre il parcheggio davanti l’hotel Mara è stato suddiviso con 170 stalli a pagamento, 37 liberi e 7 ciascuno per moto e disabili. A questi nella zona del Riccio si aggiungono i circa quaranta parcheggi liberi nei pressi dello stabilimento “La Riccetta”. Per quanto riguarda il lido Saraceni la nuova segnaletica orizzontale prevede 140 posti a pagamento, 128 liberi, 29 per moto, 11 per disabili, 3 postazioni adibite allo scarico e carico merci e 2 per scuolabus. Per quest’area l’amministrazione comunale ha anche predisposto la pulizia e il recupero della zona ex fornace che in occasione dei periodi di particolare affluenza potrà essere utilizzata come area di parcheggio libero.
«Se si considerano i numeri e non la semplice e infruttuosa polemica – sottolinea il sindaco Castiglione – ci si può rendere conto che l’amministrazione ha predisposto un razionale e efficace piano per affrontare le emergenze della stagione estiva nelle zone balneari della nostra costa, come fanno tutte le altre città turistiche. Sono stati ampiamente rispettati i rapporti nell’alternanza tra strisce blu e parcheggi liberi nei due lidi. I parcheggi a pagamento non sono un disincentivo ma servono per regolamentare la circolazione veicolare soprattutto in questo periodo quando aumenta il flusso di vacanzieri sulle spiagge ortonesi. Stiamo lavorando per migliorare la ricettività delle nostre spiagge con servizi adeguati per una città turistica. Insieme alla nuova disposizione sui parcheggi nei mesi scorsi sono stati apposti nuovi cartelli lungo le principali arterie stradali con l’indicazione delle località costiere e al lido saraceni abbiamo avviato con i privati il progetto per predisporre le barriere per vietare l’accesso dei caravan nel parcheggio. L’impegno è massimo per rendere una città sempre più accogliente e turisticamente attraente con servizi adeguati».