first_image

Città di Ortona

Via Cavour, 24

66026 - Ortona (CH)

Tel. 085 90571

Fax: 085 9066037

Partita I.V.A. 00149620692

protocollo@pec.comuneortona.ch.it

Immagine

Immagine

Immagine

tostiano

bco

Immagine

Immagine

Immagine

Calendario Eventi
<< Novembre 2018 >>
L M M G V S D
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Contributi per la disabilita'

Pubblicato l'avviso pubblico per l'accesso agli assegni di disabilita' gravissima

L’Ambito Distrettuale Sociale n.10 Ortonese ha pubblicato l’avviso pubblico per richiedere l’accesso agli assegni di disabilità gravissima previsti dal Fondo Nazionale per la non autosufficienza. Tale intervento si concretizza mediante l’erogazione di un assegno in favore di persone in condizione di disabilità gravissima, di cui all’art. 3 D.M. 26/09/2016, ivi inclusi quelli a sostegno delle persone affette da sclerosi laterale amiotrofica e delle persone con stato di demenza molto grave, tra cui quelle affette da morbo di Alzheimer. L’erogazione del contributo economico è subordinato alla disponibilità del nucleo familiare ad assicurare la permanenza della persona al proprio domicilio e «contribuisce – sottolinea l’assessore al sociale del comune di Ortona Roberta Daloiso – a rendere la permanenza della persona in condizione di dipendenza vitale in famiglia meno difficile e più soddisfacente anche sotto il profilo delle relazioni affettive e delle relazioni sociali e ad evitare i ricoveri impropri».
Le domande devono essere inviate entro venerdì 12 ottobre presso gli uffici di riferimento dei Comuni compresi nell’ente d’ambito ortonese e devono essere presentate in busta chiusa con l’indicazione dell’avviso pubblico per l’accesso agli assegni di disabilità gravissima. La relativa documentazione è pubblicata sul sito dell’Ambito distrettuale sociale ortonese e su quello del comune di Ortona o può essere reperita presso i relativi uffici sociali comunali presenti nei comuni dell’Ambito.
L’importo del contributo mensile sarà stabilito in base alle risorse regionali assegnate e alle domande pervenute regolarmente e valutate dall’Unità di valutazione multidimensionale composta da esperti in materie cliniche e sociali.